Loading...

Che cos’è il Quantitative Easing e come modifica il Forex

Il forex e il quantitative easingIn questi giorni si sta parlando molto di quantitative easing, la misura non convenzionale che il presidente della Bce Mario Draghi sembra stia per mettere in campo. Si tratta di un provvedimento dal forte impatto sul forex. Che tipo di impatto? Cosa si devono aspettare gli investitori? Ecco una panoramica esaustiva del rapporto tra forex e quantitative easing.

Cos’è il quantitative easing

Il quantitative easing è una misura di politica monetaria espansiva. Come tutte le politiche di questo tipo, il suo scopo è quello di favorire l’aumento di liquidità nel sistema economico. Si tratta del metodo più diretto, a tal punto da essere soprannomianta “stampa di moneta“.

In effetti, tanto nel risultato quanto nel meccanismo, la realizzazione del quantitative easing assomiglia all’atto di stampare le banconote (siamo comunque nell’ambito delle metafore).

Cosa fa una banca quando mette in campo il quantitative easing? Molto semplicemente, acquista titoli di Stato del Tesoro. Quest’ultimo emette debito, la banca centrale lo acquista e in cambio fornisce denaro. In questo modo il Governo ha nelle sue disponibilità tutte le risorse che gli servono, senza per altro incappare in interessi poco sostenibili.

Forex e quantitative easing

La Bce starebbe dunque per acquistare i titoli di debito dei paesi dell’Eurozona. Quali sono le conseguenze per il forex?

Il quantitative easing porterebbe l’euro a indebolirsi. Questo è un effetto naturale, dato dalla legge di circolazione della moneta (più monetà c’è nel sistema più alta sarà l’inflazione). Sulla scorta di questo pensiero, si instaurerebbe un circolo vizioso che vedrebbe gli investitori “fuggire” dalla moneta unica, vendendola e facendola ancora deprezzare.

Il risultato sarebbe una discesa ripida del cambio euro-dollaro e di tutte le altre le coppie che vedono l’euro come currency principale. Una conseguenza, va detto, auspicata (per risollevare l’export).

Il trend dell’euro-dollaro sarebbe rafforzato dall’aumento di valore della divisa americana, causato dal miglioramento dei parametri macro-economici del gigante americano.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Forexiamo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons