Loading...

Quali banche italiane offrono un conto forex?

Le banche italiane che offono un conto forexIl forex è un’attività molto intensa, che obbliga gli investitori a compiere scelte di frequente.

La prima riguarda la piattaforma e, di conseguenza, il conto attraverso cui si investirà. E’ una scelta per ovvie ragioni propedeutica, ma anche di capitale importanza: da questa dipendono le opportunità di guadagno del trader.

La scelta è tra un numero molto abbondante di piattaforme e di broker, sicché non è facile districarsi tra le varie alternative. I più preferiscono rivolgersi dunque ai grandi nomi, ossia a quelle banche che rivestono una certa importanza e, allo stesso tempo, offrono piattaforme per fare forex.

Le banche per fare forex

Sono molte le banche italiane che offrono la possibilità di investire nel mercato valutario. Certamente, sono altrettante quelle che, più in generale, offrono conti di trading online. I criteri per scegliere bene sono, ad ogni modo, gli stessi che vanno utilizzati per discernere tra le piattaforme migliori che però non provengono da istituti bancari.

I criteri prevedono la presenza e la credibilità dei bonus, la presenza e le dimensioni della leva, l’eventuale possesso delle licenze e gli spread. Insomma, niente di nuovo sotto al sole. Questi criteri, però, permettono di ridurre la scelta a soli tre soggetti. Ecco quali.

Le tre banche da prendere in considerazione

Fineco. La piattaforma offerta da questo istituto finanziario è Power Desk 2. Questa migliora ovviamente il Power Desk 1, sebbene gli aggiornamenti riguardino non tanto le offerte dal punto di visto del trading, tanto l’efficacia tecnica della piattaforma.

La leva offerta è in genere di 100, che si abbassa a 50 se si opera sul cambio euro-dollaro. I costi si riducono allo spread, che è in media di 3 pips.

IwBank. La banca web offre una piattaforma che, molto didascalicamente, prende il nome di IwForex. Questa si inserisce nella scia di Power Desk 2.

Sicché troviamo pips bassi intorno ai 3 pips e una leva a 100. Colpisce di IwForex la quantità di cross disponibili, quasi 50 (quindi sono nelle disponibilità degli investitori anche i cambi meno famosi).

WeBank. La piattaforma offerta si chiama T3. La particolarità consiste nel fatto che è disponibile per smartphone e tablet. Un’altra caratteristica notevole è l’abbondanza della leva, che può arrivare anche a 400. Gli spread però sono in media un po’ più alti di quelli offerti da IwBank e Fineco.

L’unico difetto è che i cambi non sono poi così numerosi come ci si potrebbe aspettare.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Forexiamo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons